venerdì 20 settembre 2019
02.06.2012 - Alice Borutti

E' mancato il partigiano Antonio De Pietri a 99 anni.

"La Repubblica e la nostra Costituzione poggiano le loro radici anche sui bigliettini di Antonio, a cui andrà sempre il nostro affettuoso ricordo e ringraziamento". Lettera di Amelia Narciso, presidente ANPI.

Oggi che ricorre l'anniversario della Repubblica, ci addolora  pensare che ci ha lasciato Antonio De Pietri,  Partigiano combattente di 99 anni: come un vecchio guerriero ha combattuto fino alla fine contro la inesorabile debolezza del corpo, che aumentava con l'avanzare degli anni, sostenuto e sorretto da una fiera donna, sua moglie, resistente come solo le donne dei partgiani sapevano essere. Conservava nella memoria il ricordo delle vicende che hanno segnato profondamente la sua vita, e in particolare amava ricordare un episodio che lo vide protagonista, durante la Resistenza, a Pigna.  Le operazioni militari e la sopravvivenza stessa dei partigiani della zona, fino a Vignai, erano messe in grave pericolo dalla presenza di una nutrita guarnigione di militari fascisti della caserma di Pigna: affrontarli con le armi sarebbe stato impossibile per la notevole disparità  di forze, ma egli ebbe l'idea di diffondere dei biglietti, in cui si intimava ai militari di arrendersi, lasciando ad intendere che intorno ci fossero forze notevoli, invece che quei  pochi e male armati Partigiani che c'erano. Ebbe un colloquio col comandante della caserma, che lo invitò a passare con loro: avrebbe avuto una divisa, soldi, cibo e altri vantaggi, ma Antonio ricordava con fierezza di aver respinto qualsiasi lusinga, anzi, aveva ulteriormente minacciato e dato un ultimatum ai militari. Nella notte, eludendo i controlli, i biglietti furono introdotti in grande quantità nella caserma e questa audace operazione spinse definitivamente i militari ad abbandonarla. Antonio era orgoglioso della sua impresa, perchè era riuscito ad evitare ogni spargimento di sangue e ancora di più era fiero di aver voluto che fossero lasciati andare, incolumi, gli ultimi militari trovati in caserma. La Repubblica e la nostra Costituzione poggiano le loro radici anche sui bigliettini di Antonio, a cui andrà sempre il nostro affettuoso ricordo e ringraziamento.

Sezione ANPI di Sanremo


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo