lunedì 28 novembre 2022
28.05.2012 - redazione

Slow Food: "Le vie del Sale", una cena intrigante

L’appuntamento è Martedì 5 giugno alle ore 20.30, presso “Ristorante Le vie del Sale” situato in Lungo mare Trento Trieste 21 - Sanremo.

 

La Via del Sale è un percorso tortuoso che si dipana dai 900 ai 1500 metri d'altitudine che, per migliaia di anni, ha permesso alle popolazioni del Sud Piemonte di fare commercio con la costa Ligure e la vicina Francia.

Furono le popolazioni padane del neolitico a tracciare i primi sentieri verso la costa; poi vennero i Liguri seguiti dai Celti e quindi i Romani che a loro volta l'allargarono e posero lastre ancora visibili, spesso in ardesia di cui la zona è ricca, e pietre miliari per agevolare il commercio tra la grande pianura Piemontese e la costa.

Una costa povera di alimenti, poiché geologicamente difficile da coltivare, ma ricca di sale: un bene preziosissimo che con fatica si estraeva dalle saline costiere. Il sale allora era considerato denaro, da qui il termine “salario”, e merce di scambio in quanto elemento indispensabile per la sopravvivenza umana.

Il commercio lungo questa antico percorso era tenuto, intorno al seicento, per lo più dai Cartunè personaggi quasi leggendari che seguivano questo, impervio e pericoloso, tragitto su carri trainati da robusti cavalli portando in Liguria, da Albenga al confine Francese, i prodotti delle Langhe del Roero e del Monferrato e, alla fine di un lungo ed estenuante viaggio, tornando con alimenti altrettanto preziosi: sale, olive, olio e acciughe.

Questo antica e tortuosa strada, ancora oggi percorribile, ha ispirato Cristian Picco che ha voluto titolare il suo nuovissimo ristorante alle memorie storiche della tradizione che lui, chef-proprietario con una considerevole carriera professionale costruita in una serie di grandi ristoranti europei, Piemontese di Alba vuole offrire.

La contaminazione tra cucina e tradizione Ligure Piemontese può diventare un riferimento per la cucina “buona pulita e giusta” nella nostra provincia - Commenta Sergio Tron Consigliere Nazionale Slow Food.

La piacevole serata è una ideale occasione per gustare cibi, selezionati e preparati con cura, e per preparare i convenuti all'importante appuntamento Internazionale che, con scadenza biennale, Slow Food organizza a Torino: il SALONE DEL GUSTO.

Il menù che Cristian ci proporrà è:

Vellutata di zucchine trombette e semifreddo al Parmigiano; Croccante di anatra affumicata;

Capasanta e foie gras in padella ai profumi di mosto e gambero in tonda e gentile di Langa.

Ravioli di farina cotta al seirass con pesto di fave e menta sanremese.

Triglia di roccia con orzo perlato allo zafferano e profumi Mediterranei pomodorini confit e flan di trombette

Semifreddo al torrone con salsa espresso tooffee.

I vini che ci accompagneranno: Aperitivo Montenisa Franciacorta; Arneis Cornarea; Pigato La Ginestraia.

Per prenotazioni telefonare a 338/7394944 (Arnaudo) o al 335/6456336 (Tron), ricordo che nel caso di impedimenti “post-prenotazione”, disdire significa dare la possibilità ad altri di fruire dell’iniziativa.

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo