venerdì 20 settembre 2019
20.12.2011 - Andrea Di Blasio

Sanremo, spreco di denaro pubblico in tempi di recessione? Sarà la volta della pista d'atletica?

Struttura da 6milioni di euro ancora senza un gestore. A Boissano, invece, la buona novella.

Il sindaco di Sanremo Zoccarato, nella campagna elettorale che lo portò sullo scranno più alto di palazzo Bellevue, prometteva che la pista di atletica (unica grande opera dell'amministrazione Borea dal costo complessivo di 6milioni di euro), sarebbe diventata il centro dello sport sanremese, oltre a creare spazi dove i giovani del basso Piemonte e Lombardia sarebbero venuti a svernare unendo lo studio a dello sano sport. Parole solo parole, visto che i lavori sono stati terminati da diverso tempo senza grandi intoppi i quali però si sono creati ultimamente. Eravamo rimasti che il comune di Sanremo era, inizialmente, senza 7mila euro, denaro utile per permettere le operazioni di collaudo della pista stessa, poi trovati dopo mille peripezie, oltre che individuare un gestore che si accolli le spese di gestione per un totale di circa 100mila euro.

Anche l'impianto di illuminazione è assente ed il futuro della struttura sportiva appare come la solita opera pubblica rimasta a prendere acqua e vento e nulla di più. Per fare un esempio e citare sempre chi ci sta attorno, come più bravo, a Boissano in provincia di Savona comune di poco più 2mila anime, si trova una notevole pista d'atletica. Ad un anno dalla sua inaugurazione, come riporta Ivg, era presente, per l'evento, il campione imperiese Luciano Acquarone, una leggenda vivente del mondo della corsa che solo quest'anno ha realizzato ben 4 nuovi primati europei di categoria, l’ultimo dei quali, sui 1500 metri, è stato raggiunto sulla pista di Boissano il 5 ottobre scorso. Un primo anno di grandi successi, insomma, per via della possibilità dell'utilizzo della struttura per le scuole del circondario o per la frequente attività sportiva agonistica.

I progetti per il 2012 sono altrettanto decisi, come portare in Liguria atleti provenienti dal nord Italia affinchè effettuino dei tirocinii, potenziare le strutture del manufatto, organizzare eventi o attività per ragazzi diversamente abili e tutto ciò che permetta l'afflusso di numeri considerevoli di persone per l'utilizzo della pista. Tutto questo nel paesino di Boissano. Chissà se per il 2012 la befana non porti nella calza un gestore per la nostra pista di atletica...

 

 

 

Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo